MEPA - Cartoleria Ortuso - Palmi RC

Ingrosso e Dettaglio
Prodotti per la Scuola e l'Ufficio
Seguici su facebook
Vai ai contenuti

La nostra azienda è presente sul MEPA, Mercato Elettronico per la Pubblica Amministrazione,
ricercabile tramite nome (Cartoleria Ortuso) o partita IVA (02983060803).

Catalogo
Categoria
attivo dal
Beni
CANCELLERIA, CARTA, CONSUMABILI DA STAMPA E PRODOTTI PER IL RESTAURO           
20/12/2017
INFORMATICA, ELETTRONICA, TELECOMUNICAZIONI E MACCHINE PER UFFICIO            
Sei una Pubblica Amministrazione?
un Comune, un Istituto Scolastico, una Università, …?

Invitaci alla GARA o inviaci la tua RICHIESTA tramite MEPA


Oppure CONTATTACI DIRETTAMENTE
Telefono - INFO
Richiesta diretta di informazioni al Numero:
0966.46862
PEC - PREVENTIVI | ORDINI
Richiesta diretta di preventivo
Ordine di acquisto diretto
Whatsapp - INFO
Richiesta diretta di informazioni al Numero:
334 86 15 800

Contattateci per preventivi anche su prodotti non presenti nel nostro catalogo su acquistinretepa.it.

Siamo a vostra disposizione !!!

Tipologie di acquisto in rete PA su MEPA


Le tipologie di acquisto su MePA sono le seguenti:

Ordine diretto di acquisto (OdA)
Tramite la procedura OdA (ordine diretto di acquisto) è possibile ordinare direttamente gli articoli visibili sul catalogo presente sul portale www.acquistinrete.it o inviando una richiesta alla nostra PEC: ortusocea@pec.ortusocea.com
Può essere utilizzato per affidamenti diretti fino a 2.000,00 €, salvo delibera del Consiglio Comunale, Consiglio d’Istituto, Consiglio di Facoltà, etc. di aumento del limite per l’acquisto diretto.
Può inoltre essere effettuato un acquisto diretto quando non sia possibile acquisire da altri operatori il medesimo bene sul mercato di riferimento del Comune, dell’Istituto, dell’Università, etc.
Per i prodotti di nostra esclusiva siamo a disposizione per fornire le dichiarazioni dei produttori.
Nel caso in cui un prodotto non sia presente su MePA contattaci all’indirizzo: marketing@ortusocea.com o tramite numero  0966.46862 o tramite Whatsapp 334 86 15 800
                            

Trattativa diretta
Consente di procedere ad un affidamento diretto, previa negoziazione con un unico operatore economico.
Può essere utilizzato per affidamenti fino a 2.000,00 €, salvo delibera del Consiglio Comunale, Consiglio d’Istituto, Consiglio di Facoltà, etc. di aumento del limite per l’acquisto diretto.
Può inoltre essere effettuato un acquisto diretto quando non sia possibile acquisire da altri operatori il medesimo bene sul mercato di riferimento del Comune, dell’Istituto, dell’Università, etc.
Per i prodotti di nostra esclusiva siamo a disposizione per fornire le dichiarazioni dei produttori.
Per effettuare la trattativa diretta è sufficiente selezionare gli articoli e allegare l’eventuale disciplinare con specifiche dettagliate dei prodotti e dei servizi richiesti.
                            

RdO
Per importi superiori a 2.000,00 € (o altro limite deliberato Consiglio Comunale, Consiglio d’Istituto, Consiglio di Facoltà, etc.).
Le pubbliche amministrazioni hanno la possibilità di condurre un confronto competitivo tra più operatori economici abilitati sul MePA richiedendo ai fornitori delle offerte personalizzate sulla base della proprie specifiche esigenze e aggiudicando la gara al miglior offerente.
Per generare l’RdO vanno ricercati gli articoli sul catalogo di Cartoleria Ortuso  oppure vanno inseriti manualmente. È possibile allegare un disciplinare di gara con le caratteristiche tecniche minime ed eventuali servizi richiesti.

             

Legge di Bilancio 2019:
Innalzamento della soglia dell’obbligo di ricorso al MEPA

Con il comma 130 dell’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (legge di Bilancio 2019) è stato modificato l’articolo 1, comma 450 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 innalzando la soglia per non incorrere nell’obbligo di ricorrere al MEPA, da 1.000 euro a 5.000 euro.

Si tratta, ovviamente, degli acquisti di beni e servizi (con esclusione, quindi, dei lavori e dei servizi tecnici per l’ingegneria e l’architettura che non sono sottoposti all’obbligo di approvigionamento tramite Mercato Elettronico per la P.A).

Il nuovo testo del già citato articolo 1, comma 450 della legge n. 296/2006, adesso è il seguente:
450. Le amministrazioni statali centrali e periferiche, ad esclusione degli istituti e delle scuole di ogni ordine e grado, delle istituzioni educative e delle istituzioni universitarie, nonché gli enti nazionali di previdenza e assistenza sociale pubblici e le agenzie fiscali di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, per gli acquisti di beni e servizi di importo pari o superiore a 5.000 euro e al di sotto della soglia di rilievo comunitario, sono tenute a fare ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione di cui all'articolo 328, comma 1, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207. Fermi restando gli obblighi e le facoltà previsti al comma 449 del presente articolo, le altre amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nonché le autorità indipendenti, per gli acquisti di beni e servizi di importo pari o superiore a 5.000 euro e inferiore alla soglia di rilievo comunitario sono tenute a fare ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione ovvero ad altri mercati elettronici istituiti ai sensi del medesimo articolo 328 ovvero al sistema telematico messo a disposizione dalla centrale regionale di riferimento per lo svolgimento delle relative procedure. Per gli istituti e le scuole di ogni ordine e grado, le istituzioni educative, tenendo conto delle rispettive specificità, sono definite, con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, linee guida indirizzate alla razionalizzazione e al coordinamento degli acquisti di beni e servizi omogenei per natura merceologica tra più istituzioni, avvalendosi delle procedure di cui al presente comma. A decorrere dal 2014 i risultati conseguiti dalle singole istituzioni sono presi in considerazione ai fini della distribuzione delle risorse per il funzionamento.”

La nuova soglia dei 5.000 euro si allinea con quella di cui al paragrafo 4.2.2. delle linee guida ANAC n. 4 recanti “Procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici” in ui è affermato che per lavori, servizi e forniture di importo fino a 5.000,00 euro, in caso di affidamento diretto, la stazione appaltante ha facoltà di procedere alla stipula del contratto sulla base di un’apposita autodichiarazione dalla quale risulti il possesso dei requisiti di carattere generale di cui all’art. 80 del codice dei contratti pubblici e speciale, ove previsti. In tal caso la stazione appaltante procede comunque, prima della stipula del contratto alla consultazione del casellario ANAC, alla verifica del DURC, nonché della sussistenza dei requisiti speciali ove previsti e delle condizioni soggettive che la legge stabilisce per l’esercizio di particolari professioni o dell’idoneità a contrarre con la pubblica amministrazione in relazione a specifiche attività.
Copyright © 2019 Cartoleria Ortuso. Tutti i diritti riservati.
www.ortusocea.com - Cartoleria Ortuso - Via Bruno Buozzi, 208 - 210/A - 89015 Palmi (RC) - P.IVA 0298306 080 3
Seguici su facebook
Torna ai contenuti